Ubuntu Blog: How to upgrade from Windows 7 to Ubuntu – Installation

Ubuntu Blog: How to upgrade from Windows 7 to Ubuntu – Installation

  • L’installazione di un sistema operativo non è un compito facile. Per la maggior parte delle persone, questo è qualcosa che non avranno mai fatto. La stragrande maggioranza delle persone acquista computer con il sistema operativo già installato, quindi non devono mai eseguire manualmente l’installazione del sistema. Il processo può essere intimidatorio, ma cercheremo di renderlo il più semplice possibile.
  • In questo articolo, vorremmo continuare il viaggio che abbiamo iniziato la scorsa settimana: come migrare con successo da Windows 7 a Ubuntu. Nel primo articolo, abbiamo parlato delle fasi di preparazione: le differenze tra Windows e Ubuntu, la parità del software, il supporto hardware e il backup dei dati prima della modifica. Qui, ti mostreremo come installare Ubuntu in sicurezza. Nell’ultimo tutorial di questa serie, faremo un tour del desktop Ubuntu, installeremo applicazioni popolari e impareremo come usare Ubuntu.
  • Cominciamo con le frasi che useremo in questo tutorial. Alcuni termini possono sembrare vaghi a questo punto, ma avranno più senso mentre procediamo.
  • L’installazione di un nuovo sistema operativo è generalmente definita installazione. L’installazione prevede diverse fasi:
  • Devi scaricare il supporto di installazione (pensa a un file exe in Windows per una configurazione dell’applicazione). Il supporto di installazione verrà di solito sotto forma di file ISO. Ad esempio, se scarichi Ubuntu, troverai un file chiamato ubuntu-18.04.3-desktop-amd64.iso nella posizione della cartella di download.
  • È necessario copiare il contenuto del supporto di installazione su un dispositivo esterno, un DVD o una chiavetta USB. Questo viene fatto con uno strumento dedicato, che preparerà correttamente il dispositivo esterno per l’uso e memorizzerà il contenuto del supporto di installazione su di esso.
  • Devi avviare (avviare) il dispositivo esterno sul tuo computer. In genere, ciò significa collegare il supporto esterno (posizionare un DVD nel vassoio o inserire una chiavetta USB in una porta USB). Successivamente, è necessario istruire il computer per l’avvio dal supporto esterno. Alcuni computer sono configurati per farlo automaticamente. In altri casi, dovrai accedere alla configurazione del tuo computer (di solito premendo i tasti F2 o Canc all’inizio quando il computer viene acceso o riavviato), quindi modificare un’impostazione chiamata ordine di avvio. Tratteremo questo in dettaglio più avanti.
  • Una volta che il computer identifica correttamente il supporto esterno, avvierà il sistema operativo su questo supporto. Ciò significa che Ubuntu verrà avviato. Non preoccuparti, l’installazione non inizierà immediatamente. Se lasciato senza interazione da parte dell’utente, Ubuntu si avvierà in modalità live, il che significa che l’hardware (i dischi) sottostante non verrà toccato, e puoi testare e sperimentare in sicurezza Ubuntu prima di decidere di apportare modifiche.
  • Nell’ambiente live, puoi giocare per avere un’idea di come funziona Ubuntu, provare le applicazioni e verificare che l’hardware sia inizializzato correttamente. Una volta che sei soddisfatto e sicuro dell’aspetto generale, puoi procedere con l’installazione del sistema operativo.
  • L’installazione effettiva è il passaggio successivo. A questo punto, il sistema operativo ti avviserà che le modifiche verranno scritte sul tuo disco rigido, quindi puoi tornare indietro se non sei sicuro o non vuoi procedere, per qualsiasi motivo. Al termine dell’installazione, al successivo riavvio del computer, Ubuntu verrà avviato.

.

Phrase Windows Linux
Installation media ISO file ISO file
Boot sequence L’avvio di un computer L’avvio di un computer
Live session N/A Una sessione in cui il sistema operativo viene eseguito solo in memoria e non tocca i dischi rigidi; è ottimo per i test non distruttivi del sistema operativo e del software
Installation Copia del supporto di installazione sul disco rigido e sulla configurazione dell’utente Copia del supporto di installazione sul disco rigido e sulla configurazione dell’utente
Partitioning Sottofase di installazione durante la quale è configurato il disco rigido Sottofase di installazione durante la quale è configurato il disco rigido
Partition A logical slice of the hard disk. In Windows, these are identified by drive letters, like C:\, D:\ Partitions in Linux use the following notation:
/dev/sdXyX – letter (a, b, c, etc) that denotes which the hard disk number. If you have only one hard disk, it will be a.Y – number that denotes the partition on a particular hard disk. For instance, /dev/sda3 denotes the third partition on the first hard disk.
Filesystem The logical structure used to store files on a drive. By default, Windows uses NTFS. By default, Linux uses Ext4. Linux supports many other filesystems, and can also read/write Windows filesystems.
Mountpoint The logical endpoint by which the filesystem on a particular partition is made accessible to the user. Synonymous with how partitions are shown to the user through Window Explorer (C:\, D:\, etc). In Linux, there is a single tree that contains all mount points to all filesystems.
The top-tree element is called root, and it is identified by the forward-slash character (/).
Entries under the root will then point to different folders/files. For example:
/usr – folder that contains application data. It can be mapped to any partition/filesystem (e.g.: /dev/sda5)/home – folder that contains user data, like application settings and documents. It can be mapped to any partition/filesystem (e.g.: /dev/sdb6)
Formatting The process of initialization of a partition with a new filesystem. This is a destructive process. The process of initialization of a partition with a new filesystem. This is a destructive process.
  • Esistono diversi modi in cui è possibile configurare i sistemi operativi: questo non è univoco per Ubuntu; questo è vero per tutti i sistemi operativi là fuori.
  • Un singolo sistema operativo su un computer: lo scenario più tipico e comune. Un disco rigido contiene un singolo sistema operativo. È relativamente semplice da configurare e gestire. La maggior parte degli utenti di Windows 7 avrà PC o laptop configurati in questo modo.
  • Doppio avvio: si tratta di una configurazione in cui sono installati due sistemi operativi sullo stesso computer. Ogni sistema operativo potrebbe risiedere su un disco rigido separato, oppure entrambi potrebbero essere installati su un disco rigido, su partizioni diverse. In una configurazione a doppio avvio, di solito verrà visualizzato un menu all’inizio della sequenza di avvio del computer, che consente all’utente di scegliere il sistema operativo che desidera eseguire. Sui sistemi fisici, è possibile eseguire solo un sistema operativo alla volta. Una configurazione a doppio avvio potrebbe essere Windows 7 e Ubuntu, fianco a fianco. È quindi possibile alternare tra i due e usarli come meglio credi, con un riavvio tra ogni utilizzo.
  • Avvio multiplo: come il doppio avvio, ma ci sono tre o più sistemi operativi.
  • Virtualizzazione – Questo è un concetto che consente di eseguire un intero sistema operativo su un altro sistema operativo. Questo viene fatto usando un software dedicato chiamato hypervisor. Il software hypervisor viene eseguito sul sistema operativo host e consente di creare macchine virtuali che emulano l’hardware. È quindi possibile installare un sistema operativo guest su questo hardware emulato e utilizzarli fianco a fianco. La virtualizzazione non è banale, ma è un buon modo per testare nuovi sistemi operativi senza provarli sul tuo hardware fisico. In questo modo, puoi esercitarti a usare Linux, familiarizzare con i passaggi di installazione prima di fare qualsiasi cosa sul tuo PC o laptop.
  • Se decidi di installare Ubuntu, la sequenza dei passaggi sarà leggermente diversa in base alla tua scelta della configurazione (avvio singolo, doppio avvio, ecc.).

Se vuoi sostituire Windows 7 con Ubuntu, dovrai:

  • Formatta l’unità C: \ (con il filesystem Linux Ext4) come parte dell’installazione di Ubuntu. Ciò eliminerà tutti i dati su quel particolare disco rigido o partizione, quindi è necessario disporre prima di un backup dei dati.
    Installa Ubuntu sulla partizione appena formattata.

Se vuoi eseguire il dual-boot di Windows con Ubuntu, anche come passaggio di transizione fino a quando non ti abituerai a utilizzare Ubuntu, dovrai scegliere una delle due opzioni seguenti:

 

  • Consenti al programma di installazione di Ubuntu di configurare le cose automaticamente – molto probabilmente, sarà in grado di configurare i due sistemi operativi fianco a fianco.
  • In alternativa, dovrai modificare il layout del disco rigido e / o della partizione in modo che ci sia almeno una nuova partizione in grado di ospitare l’installazione di Ubuntu. Ciò potrebbe richiedere la modifica delle dimensioni delle partizioni esistenti (riduzione) per creare spazio per una nuova partizione. In alcuni casi, questo potrebbe non essere possibile o potresti non avere spazio su disco sufficiente. La gestione delle partizioni può essere eseguita nella sessione live di Ubuntu usando uno strumento chiamato Gparted partition manager (disponibile di default in Ubuntu). Per utilizzare questo software dovrai essere a tuo agio con il disco rigido Linux e la notazione delle partizioni. Devi anche stare attento, perché la maggior parte delle operazioni sono distruttive, quindi se elimini o formatti le partizioni, potresti perdere i tuoi dati o rendere il tuo computer non avviabile. Quindi, puoi installare Ubuntu sulla partizione appena creata e formattata.

 


Nota: questo scenario non eseguirà la migrazione da Windows 7 a Ubuntu. Tuttavia, è un esercizio molto utile, poiché ti aiuterà a familiarizzare con il nuovo sistema operativo, quindi puoi impegnarti in una configurazione su hardware fisico e sostituire effettivamente Windows 7.

 

Cominciamo con gli scenari più semplici e sicuri: installeremo VirtualBox, un software di virtualizzazione gratuito, creeremo un modello di macchina virtuale Ubuntu, quindi eseguiremo l’installazione.

Scarica Ubuntu ISO. Puoi scaricare l’immagine LTS, che viene fornita con cinque anni di supporto, oppure una delle versioni provvisorie, che hanno un periodo di supporto di 9 mesi e vengono fornite con alcune delle funzionalità e applicazioni più recenti rispetto a quelle che ottieni di default in un LTS versione. È un compromesso tra stabilità e supporto da un lato e utilizzo dell’ultimo software dall’altro.
Scarica VirtualBox e installalo in Windows. Non sei limitato a dove installi il software. Questo può essere fatto in qualsiasi versione di Windows o anche in altri sistemi operativi.
Avviare VirtualBox e creare una nuova macchina virtuale Ubuntu.


Crea un disco rigido virtuale per Ubuntu.


Crea un dispositivo di archiviazione ottica virtuale (questa sarà l’unità DVD virtuale). “Eseguiremo” il file ISO da esso. In effetti, all’avvio della macchina virtuale, il dispositivo di archiviazione ottica verrà trattato con l’ISO ad esso collegato come se si fosse copiato il contenuto ISO su un DVD o una chiavetta USB e l’avesse avviato su un computer fisico.
Segui la procedura guidata guidata per installare Ubuntu. Prestare attenzione al disco rigido

 

New virtual machine setup

Once VirtualBox is installed and configured, start the application. Click on the New button. You will now be asked several questions. You will need to provide the name for your virtual machine (VM). You can use anything, like John or Jane, but it is best to use the exact operating system version. If you type in Ubuntu, VirtualBox will automatically detect what you’re trying to do.

The next step is decide how much RAM you want to give your VM. Then, you need to configure a virtual hard disk. Once these steps are complete, the VM is ready to start. However, we also need to attach the Ubuntu ISO to it.

Click on Settings. In the new window, click on Storage. In the right panel, there will be multiple Storage Devices listed – think hard disks and DVD trays on a physical computer. You will have your hard disk there (in the .vdi format), and an empty IDE controller with a virtual optical drive attached to it. Select it, and then, from the drop down menu, select Choose a disk file… and navigate to where you downloaded the Ubuntu ISO (called something like ubuntu-18.04.3-desktop-amd64.iso). After you complete this step, you can start the VM, and it should boot from the “external” media (in this case the virtual DVD tray).

Once you start the virtual machine, you will see Ubuntu launch.

Ubuntu live session

On startup, Ubuntu will ask you what you want to do – Try Ubuntu or Install Ubuntu.

If you select Try Ubuntu, the operating system will launch into a live session, running from memory. Your disks are untouched at this stage. You can play around, get the feel for the operating system and its desktop layout, try network connectivity, test applications, and more. Once you’re ready to install Ubuntu, click on the desktop icon, or the installer shortcut in the vertical taskbar on the left.

Ubuntu installation wizard

The installation process is done with a step-by-step wizard. The first step is just a Welcome note and installer language selection.

Keyboard layout

The second step is to choose your keyboard layout. You can always add more layouts (and languages) after the installation.

Connect to the Internet

The optional third step is network. If you’re using a desktop and have a wired connection, you probably won’t see this step in the installer. If you’re on a laptop with a wireless connection, the installer will ask you if you want to connect to an access point. This is not mandatory, but it does allow you to install updates before you get to the desktop. Alternatively, you can connect to the network from the top taskbar (panel), via a drop-down menu in the right corner.

Updates and other software

The fourth step is to decide what setup you like. Most people want the normal installation, which comes with a complete desktop and a set of productivity applications. You can also choose to install third-party software, graphics drivers and media codecs (last checkbox). This is recommended, as it will give you access to a wider range of applications and use cases.

Installation type

In the virtual machine, your hard disk will contain no data. This is why the installer will notify you that it cannot detect any operating systems. It also makes the first option – Erase disk and install Ubuntu – perfectly safe to run.

Timezone and user setup

The installation will begin now in the background. You will be able to configure your timezone and your user. The choice of the timezone will determine your language locale. For instance, if you’ve selected English (US) as your keyboard layout and choose London, UK as your timezone, Ubuntu will be configured with British English as the desktop interface language. You will be able to change this after the installation if you like.

The user setup is self-explanatory – choose your name, computer name and your password. You can auto-login into the desktop, or have the system ask you for your credentials to allow you to login.

Here, we will configure a dual-boot setup. Once again, we are not getting rid of Windows 7 just yet. But this scenario allows us to test Ubuntu on physical hardware without altering the Windows 7 data. This way we will gain additional knowledge and practice ahead of the actual migration.

After you have mastered this step, you can then re-run the installation and replace Windows 7 with Ubuntu (on the same PC or a different computer, if you like). Alternatively, you can simply reuse the Windows 7 partition(s) inside Ubuntu as additional storage space.

  • Download Ubuntu ISO.
  • Download UNetbootin and burn the Ubuntu ISO to a DVD, or download unetbootin and use it to copy the Ubuntu ISO to a USB thumb drive.
  • Insert the installation media into the computer (DVD tray or USB port), access the BIOS of your computer, choose the installation media, and boot it. This will launch the Ubuntu live session.

Prepare external media

Launch the UNetbootin tool. You have two options available: 1) download Ubuntu from the tool directly and then copy it to the USB drive 2) load a previously downloaded ISO image. Either option will work fine. Since we’ve downloaded the ISO already, check the Diskimage button, locate the ISO file on your disk.

Avvia Ubuntu

Quando l’unità USB è pronta, inserirla nel computer e accenderla. Alcuni computer sono automaticamente configurati per l’avvio da supporti esterni. In tal caso, non dovrai fare nulla. Altri computer richiedono una modifica manuale all’ordine di avvio. Questo viene fatto modificando il menu di avvio del BIOS. Ogni produttore di hardware utilizza la propria implementazione BIOS, quindi non esiste un modo uniforme per farlo. In genere, è necessario premere un tasto (F2 o Canc o simili) per accedere al BIOS, quindi è necessario modificare l’ordine di avvio o le opzioni di avvio in modo che il sistema si avvii dal dispositivo esterno contenente il sistema operativo Ubuntu.

Procedura guidata di installazione di Ubuntu (hardware fisico)

I primi quattro passaggi nel programma di installazione sono identici alla macchina virtuale. La vera differenza è se ci sono informazioni memorizzate sul disco rigido (s). In una macchina virtuale, il disco rigido era vuoto e non conteneva alcuna partizione (come un nuovo computer). Su un computer su cui è installato Windows 7, il programma di installazione mostrerà diverse opzioni.

Tipo di installazione

Molto probabilmente, il programma di installazione ti informerà che ha trovato Windows 7 e ti suggerirà di installare Ubuntu insieme ad esso. In effetti, il programma di installazione proverà a trovare la partizione più adatta, consentirà di ridurla, creare una nuova partizione nello spazio libero dopo il ridimensionamento e installare Ubuntu su di essa.

 

Alternatively, if you do not care about anything on your hard disk – or feel comfortable with completely removing Windows 7 – you can use the second option, erase everything, and setup Ubuntu as the only operating system. If you have safely backed up your data from Windows 7, you can use this option. If you’re not sure, the best way is to start with the dual-boot option, and then eventually fully replace Windows 7 once you’re confident with using Ubuntu.

If you select the first option (Ubuntu alongside Windows 7), the next step in the installer allows you to allocate drive space. You can drag the divider to decide how much you want to resize the Windows partition – Ubuntu will be installed in the remainder.

If you are familiar with the concepts of disk and partition management, you can also use the last option – Something else, where you can make changes manually to partitions as you see fit. These are non-trivial steps, and not recommended for new users.

Advanced: Manual partitioning

If you do not want to use the dual-boot option, or the installer cannot set it up automatically for you, you will need to manually configure the partitions. In the Ubuntu desktop, click on Activities, type Gparted in the search box, launch the application. It will scan your hard disks and show you a table of results.

L’immagine sopra è da un laptop con un’installazione di Windows 7. Ha un singolo disco rigido da 500 GB, mostrato come / dev / sda (465,76 GiB). Ha un totale di otto partizioni:

  • / dev / sda1 è la partizione di sistema / avvio nascosta di Windows.
  • / dev / sda2 è l’attuale C: \ drive – questo non è immediatamente ovvio da questo elenco, ma è possibile dedurlo dal resto delle informazioni e anche confrontando le dimensioni con quelle che dovrebbero essere in Windows 7.
  • / dev / sda3 è un tipo speciale di partizione. Senza entrare in troppi dettagli tecnici, è una partizione estesa, un tipo speciale di partizione primaria che può nidificare partizioni logiche. Sui sistemi informatici che utilizzano il tipo ms-dos della tabella delle partizioni, esiste una limitazione di quattro partizioni (primarie). Per aggirare questa limitazione, è possibile creare quello esteso in modo da coprire gran parte dello spazio su disco rigido, quindi creare partizioni logiche al suo interno. I sistemi più recenti che utilizzano il tipo gpt non presentano questa limitazione.
  • / dev / sda5 è la prima partizione logica. Non esiste / dev / sda4 e le partizioni logiche saranno sempre numerate 5 e successive. Questa partizione ha un filesystem NTFS e porta persino un’etichetta – Giochi, quindi sai quale tipo di dati contiene. L’etichetta può aiutarti a prevenire danni provando a modificare le partizioni che contengono dati importanti.
  • / dev / sda6, / dev / sda7 e / dev / sda8 sono partizioni logiche, con etichette, contenenti dati utente aggiuntivi.
  • Dai dati presentati da GParted, non abbiamo spazio libero sufficiente, quindi dovremo cambiare il layout della partizione. È possibile eliminare una delle partizioni non C: \ o ridimensionarle. L’ultima partizione, dev / sds8 (con l’etichetta Download) sembra un buon candidato. È una grande partizione e molto probabilmente contiene dati meno critici. Fai clic su una partizione e seleziona Ridimensiona dal menu. Gparted tenterà di eseguire questo funzionamento e, in caso di successo, avrai spazio libero disponibile per configurare Ubuntu.

 

Nell’opzione Ubuntu insieme a Windows 7, il programma di installazione ha selezionato automaticamente / dev / sda8 come candidato per l’installazione. Se il tuo computer ha solo una partizione (essenzialmente l’unità C: \), dovrai ridimensionarla. Ciò significa che è necessario sufficiente spazio libero e che è necessario eseguire il backup dei dati in modo sicuro, poiché le operazioni del disco rigido possono essere rischiose.

Configurazione dell’utente

I passaggi rimanenti nell’installazione sono identici. Al termine dell’installazione e dopo aver riavviato il computer, verrà visualizzato un menu di testo all’avvio e sarà possibile selezionare il sistema operativo in cui eseguire l’avvio: Ubuntu o Windows 7.

La nostra installazione è ora completa.

Abbiamo completato la parte più complessa e difficile del viaggio. Quando è necessario gestire l’archiviazione, sussistono sempre alcuni rischi, ma dal momento che abbiamo eseguito il backup sicuro dei nostri dati nel primo articolo, le possibilità di perdita di dati sono basse. L’installazione richiede la conoscenza che la maggior parte degli utenti di computer non avrà prontamente, ma spero che tu abbia acquisito le competenze e la pratica necessarie per farlo con relativa facilità. Il prossimo passo è esplorare il desktop di Ubuntu e persino divertirti. Lo faremo nella terza puntata di questa serie.

 

Photo by Jonatan Pie on Unsplash.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Categorie




Related posts





Social Share


Feedback

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

SeedingUp | Digital Content Marketing



Scroll Up